I giovani indagano il passato con uno sguardo rivolto al futuro… Scuola Secondaria di Primo grado.

Nell’anno scolastico 2010-2011 la classe 3C, seguita dalla loro insegnante di Lettere, Prof.ssa Marica Melli, ha partecipato e ha vinto, la terza edizione  del Concorso “Parma incontra il suo Territorio, la sua Storia ed i suoi protagonisti del  XX secolo”.

La classe ha partecipato con un elaborato intitolato “La presenza della banda musicale a Borgovalditaro e un suo protagonista al tempo del fascismo”.

I ragazzi, nello svolgere questo lavoro sono andati alla ricerca di fonti sia scritte che orali, ed hanno capito l’importanza della Storia locale e quanto essa possa dare un contributo originale alla formazione della cultura storica dei giovani e allo sviluppo della loro personalità affettiva e civica.

Articolo della Gazzetta di Parma

Lo studio della Storia locale può far capire agli studenti che il passato locale non può essere compreso senza la sua contestualizzazione entro parametri piú ampi, ma che a sua volta la Storia generale è monca se prescinde dalle Storie locali.

Insomma, attraverso l’insegnamento della Storia locale si può far cogliere il significato non locale di fenomeni verificatisi in ambienti circoscritti e, al contrario, si può far capire l’incidenza locale di fenomeni generali.

Promuovendo la conoscenza di aspetti del passato dell’ambiente circostante, l’insegnamento della Storia locale può cooperare a costruire il senso di identità sociale dei giovani.

Considerando l’importanza della Storia locale ed essendo il Fascismo, un argomento trattato nelle classi terze, abbiamo pensato di fare riferimento alla realtà di Borgovalditaro in quel momento storico, raccogliendo informazioni da abitanti del luogo e da qualche anziano famigliare degli alunni e cercando fonti scritte più precise.

Dato poi, che tanti ragazzi della scuola suonano nella Banda cittadina, abbiamo voluto porre l’attenzione su di essa, sull’attività nel periodo fascista e su un grande Direttore che, seppur per breve periodo, diresse la Banda di Borgovalditaro:  Giuseppe Musini.

Prof.ssa Marika Melli

Scarica file progetto.